Degrado e bellezza negli scatti di Giovanni Loy

Desolanti particolari architettonici e strutturali di edifici, piazze, banchine, in un percorso tra 20 stampe fotografiche a colori.
    “Surface”, mostra d’esordio di Giovanni Loy allestita negli spazi de La Libreria di via Sulis, a Cagliari, invita ad osservare con occhio diverso quei piccoli segni di degrado. Nei suoi ‘dipinti fotografici’ da un lato fanno specchio allo spaesamento dell’individuo, allo stesso tempo ritrovano nuova vita, forma e bellezza.
    L’esposizione, aperta fino al 30 settembre, è curata da Roberta Vanali, giornalista e critica d’arte. Loy si sofferma su muri scrostati, crepe, residui di manifesti, lamiere incrinate, antichi portoni dal legno consunto e maniglioni arrugginiti.
    Tutto diventa spunto per andare oltre la ‘superficie’, scoprire e confrontarsi con il nuovo, con il diverso.
    “Al confine tra pittura e fotografia le opere di Loy mirano da un lato a provocare un senso di straniamento dall’altro a suggerire infinite possibilità di elaborazione – sottolinea Vanali – nelle sue immagini non c’è nulla di riconoscibile, si ha la percezione di trovarsi davanti a qualcosa di familiare senza trovarne riscontro nella realtà, prospettiva accentuata talvolta dalla rielaborazione digitale che scaturisce dall’esigenza di rendere pittorica e dinamica la rappresentazione, dal momento che ‘la creazione fotografica assoluta nel suo aspetto più libero rinuncia a ogni riproduzione della realtà, perché riprodurrebbe il visibile’, per citare Otto Steiner”.  

QUI l’articolo originale di ANSA.it

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: