Sergio Derosas: Incontro d’autore e workshop nel fine settimana dal 13 al 15 ottobre

Il fotografo olbiese Sergio Derosas ritorna ospite di Dyaphrama con una proposta che farà piacere a tutti. 

Siamo infatti riusciti a convincerlo a farci entrare nel suo quotidiano fotografico, per cui stavolta si potranno apprendere, direttamente da lui, le tecniche e i trucchi che rendono così particolari e suggestivi i suoi ritratti.

Sergio Derosas presenterà il suo mondo fotografico nella serata del 13 ottobre con inizio alle ore 21.00. La serata è aperta a tutti.

L’incontro d’autore sarà anche propedeutico al workshop con lo stesso Sergio Derosas, in programma nelle giornate del 14 e 15 ottobre. 

Nota bene: Dato l’elevato numero di richieste, i partecipanti al workshop saranno suddivisi tra le due giornate, ovvero il primo gruppo lavorerà il sabato e il secondo gruppo lavorerà la domenica. La preferenza potrà essere dichiarata al momento dell’adesione. Non sarà comunque possibile aderire ad entrambe le giornate. A breve il programma dettagliato delle due giornate.

Il contributo richiesto ai soci in regola sarà di €20,00.

Il tema del workshop è “Il ritratto emotivo”, che lo stesso fotografo ci illustra così:

“Con il giusto punto di vista, con l’attrezzatura adatta, un sapiente uso delle luci e la giusta idea, è possibile riuscire a realizzare un set di ritratto emotivo.

Realizzare questo genere di ritratto è diverso dall’effettuare un comune ritratto, questo perché è importante la componente emozionale che contribuisce a dare un maggiore impatto alla fotografia eseguita.

Tutto dev’essere curato alla perfezione per far in modo che l’immagine realizzata smuova i sentimenti dell’osservatore e che lo riconduca a pensare a posti, situazioni o stati d’animo.

Vi starete chiedendo come si organizza e come si realizza.

Bene! Analizzeremo assieme le componenti più importanti che collaborano per l’esito di una buona fotografia emotiva.

Le prime cose da valutare per questo tipo di fotografia è il messaggio che si vuole far arrivare all’osservatore; ad esempio: tenerezza, dolcezza, ansia, disagio, tutte emozioni che aiutano alla riuscita della foto. E’ importante avere le idee ben chiare al momento dello scatto, il set dev’essere pensato e ben organizzato, in modo da riuscire a comunicare l’emozione.”

Chi sono: Sono un fotografo Sardo classe ’75, da circa 3 anni mi sono innamorato della fotografia di ritratto. Ho sempre amato questo genere fotografico senza averlo mai affrontato in maniera seria.

La ritrattistica sembra facile ma la difficoltà di raccontare i volti e riuscire a catturarne l’anima mi ha sempre affascinato, il cercare di percepire l’essenza della persona senza snaturarla.

Fotografare una favola, un momento della sua vita magari basandosi su uno stato emotivo che, come succede nella musica, nella fotografia condiziona le immagini.

La difficoltà del ritratto è appunto quella di essere in grado di raccontare un viso senza poter parlare e scrivere parole, “semplicemente” facendo una foto.

Rubare l’attimo e racchiuderlo all’interno di un fotogramma.
Abitando in Sardegna sono cresciuto circondato dalla natura che fa parte del mio concetto di vita.

Sempre convinto che nella natura tutto il circostante comunichi magia e pace, sfrutto questa mia visione per un approccio fotografico in cui le immagini facciano viaggiare con la fantasia e trasmettano, oltre ai colori, anche i suoni e i profumi dai quali traggo ispirazione.

Spesso mi dicono che le mie foto sembra parlino, che in alcuni casi si possa quasi sentire i profumi della natura, che comunichino pace e tranquillità.
Non so quanto questa risposta sia corretta, ma suppongo che tutto nasca dalla voglia di raccontare il bello.
In questo cammino fotografico mi faccio aiutare dalla terra, cielo e acqua che si mescolano per dare origini ad immagini in cui gli stessi elementi si fondono per essere loro stessi soggetti.

“Tutto parla di vita e nelle foto ci si può immergere sino quasi a percepirla come reale, quasi catapultati in un mondo diverso e ci si sente gentilmente rapiti per qualche istante da luci delicate, suoni, profumi, colori e sensazioni. Soggetti sospesi in un’immagine che comunica una sensazione magica”.

In questo caleidoscopio di colori alcune foto hanno il compito di richiamare alla mente il nostro legame con la natura.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: