Per la prima volta in Sardegna la bellissima Suicide Girl FELISJA

Per la prima volta in Sardegna la bellissima Suicide Girl FELISJA, in un workshop di ritratto curato dal fotografo professionista Sergio Derosas.
 
Il workshop sul ritratto si terrà in due date, una a Sassari il 5 Agosto e l’altra a Cagliari il 6 Agosto. Il workshop toccherà i punti chiave della ritrattistica e si svilupperà in modo da far acquisire le nozioni per gestire un set di ritratto e sviluppare un proprio stile.
 
Ci concentreremo sullo sviluppo di una scena per permettere ai partecipanti di vedere come si organizza un set fotografico.
 
Vedremo come si collabora con la modella spiegandole il nostro concept fotografico in modo che possa interpretarlo nel migliore dei modi.
 
Una parte del workshop sarà dedicata anche alla parte tecnica per la realizzazione del set. Uno dei fattori più importanti sarà quello di come gestire modella/pose/location per ottenere delle foto che possano avere un valore aggiunto.
 
Particolare attenzione verrà data alla composizione della scena in modo da evitare inquadrature che non esaltino set e modella. La nota importante sarà quella della gestione della luce che si rende ancora più importante quando si lavora in esterna.
 
Alla fine del set si passerà ad una fase di valutazione delle foto e ad alcuni cenni di post produzione per valorizzare le foto realizzate. L’email per le informazioni è Sergioderosasfoto@gmail.com

Chi è Felisja (da un articolo di Sardinia Post sul fenomeno SG del 13 gennaio 2015):

“…Vent’anni, capelli neri, pelle candida e grandi occhi verdi: Felisja Piana, in arrivo da un piccolo paesino in provincia di Sassari, è la nuova Suicide Girl italiana. Per i non addetti ai lavori la comunità virtuale Suicide Girl racconta da anni la bellezza femminile meno convenzionale di tutto il mondo: ragazze con tatuaggi, piercing e capelli dai colori variopinti, un modello di pin-up decisamente lontano da quello da rivista patinata ma altrettanto affascinante e decisamente più intrigante. Il tutto mostrato con generosità e senza censure: visti i contenuti, tra nudi e pose provocanti,  l’iscrizione al sito è a pagamento e vietata ai minori. La comunità SG, nata in America da un’idea di Sean Suhl e Selena Mooney e attiva da 14 anni, ogni giorno seleziona in tutto il mondo una ragazza tra le migliaia che si propongono come “Suicide Girl Hopeful” inviando un set fotografico che poco lascia all’immaginazione. Se negli Stati Uniti è un fenomeno di massa con milioni di iscritti e un fatturato enorme tra sottoscrizioni, gadget, merchandising e calendari, la comunità è oggi molto conosciuta anche in Italia. Sono trenta le giovani italiane scelte per rappresentare la bellezza alternativa sulla community SG.

Qualche giorno fa lo staff ha selezionato proprio Felisja e le sue foto sono ora in mostra sul sito web: “Mi sono candidata come Suicide Girl a dicembre – ci racconta la modella, in arte Fishball – e in breve tempo le mie immagini sono state pubblicate come ‘set del giorno’. Una grande soddisfazione, anche se i miei progetti sono altri: fare la modella è divertente, ma mi piacerebbe lavorare nel mondo della body art e aprire uno studio di tatuaggi”. Le reazioni di La Ciaccia, piccola località gallurese di 400 anime dove la giovane vive, non si sono fatte attendere: “Da quando le mie foto sono state pubblicate ho ricevuto critiche e insulti anche molto pesanti. Amo la Sardegna ma la gente sa essere molto cattiva, per questo ho scelto di partire per Milano e costruire lì la mia strada”…”

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: